Azienda Agricola Spirdo

Extravergine BIO D.O.P.Dall’oliva all’olio L’ olio extravergine d’oliva Spirdo è prodotto da agricoltura biologica esclusivamente dalle olive dei nostri 500 alberi plurisecolari. E’ frutto della molitura a freddo di olive Ogliarola e Cellina di Nardò, bacchiate manualmente e con mezzi meccanici a non completa maturazione delle drupe. Questi accorgimenti valorizzano le caratteristiche tipiche delle cultivar e permettono di conservarne più a lungo le proprietà organolettiche e nutritive.  
 
ulivo-spirdo-500-001
 
La lavorazione al frantoio inizia entro le 12 ore dalla raccolta delle olive dopo le operazioni di cernita, lavaggio, defogliaggio e asciugatura.
Lo stoccaggio del prodotto avviene in silos d’acciaio inox  a chiusura ermetica, in ambiente a temperatura costante per garantirne la massima stabilità e durata nel tempo.
 

olio-spirdo-300-001

 

 

Spirdo  è un’azienda agricola che si estende, in unico corpo cintato con muretti a secco, per circa 12 ettari sulla Serra di Ruffano.

L’azienda , acquistata da Enrico Gussoni nel 2003, ha 540 piante di ulivi ultrasecolari e viene condotta con metodo biologico.  Si sta procedendo a  mettere a dimora un centinaio di ulivi di cultivar autoctone ed è altresì  previsto  un frutteto con mandorli,  fichi  e melograni,  oltre ad agrumi.

Nella proprietà  si provvede anche alla semina di orzo, farro,  e grano. Nell’orto bio si effettua una rotazione continua con patate, legumi, carciofi, rape, pomodori , melanzane, finocchi e tutto ciò che la stagione e la tradizione locale  prevedono di avere sul la tavola.
La proprietà  lambisce ed incorpora boschi di macchia mediterranea  dove si possono raccogliere cicorie selvatiche, asparagi, lampacioni, funghi e dove capita di vedere volpi, uccelli migratori ed alcune specie di rapaci.

All’interno della campagna sono presenti  tre pajare, tipiche costruzioni rurali costruite con la tecnica dei muri a secco, veri  esempi di architettura  povera.  Siamo fieri di averne effettuato il  recupero  con criteri rispettosi della tradizione locale. E’ presente anche una ‘specchia’, un  cumulo di pietre poste sulla sommità della “serra” che anticamente fungeva, secondo alcuni studiosi, come punto di avvistamento delle incursioni saracene. Certo è che da lassù si domina tutto il territorio circostante .

A giugno 2012 abbiamo acquisito una struttura  confinante per poter svolgere ricezione turistica e di ristorazione: i lavori di ristrutturazione sono stati improntati con criteri di eco-sostenibilità   e per il recupero  ed il riutilizzo delle acque.

Dalla sommità del trullo  si possono ammirare albe che nei giorni di tramontana  lasciano scorgere le sagome dei monti di Grecia ed Albania, mentre dal lato dell’agriturismo i tramonti infuocati  ricordano che la giornata volge al termine.

L’Azienda Agricola Spirdo è tra i soci fondatori della Rete ‘Diversità in concerto’: obiettivo di questo gruppo di  aziende/amici operanti nell’agricoltura salentina, con promotore l’Agronomo Dottor  Carmelo Buttazzo, è la produzione e commercializzazione di prodotti agroalimentari d’eccellenza.

Da:

WWW.Spirdo.it

Lascia una risposta